Cofanetto collezione stampe poliedri "La Botanica di Leonardo"

Immagine di Cofanetto collezione stampe poliedri "La Botanica di Leonardo"
35,00 € IVA inclusa

Cofanetto collezione stampe poliedri "La Botanica di Leonardo"


ISBN/EAN: 8032472016915

Tempi di consegna: 3-5 GIORNI


La cartella contiene la stampa in carta pregiata dei cinque poliedri platonici regolari tratti dai Disegni di Leonardo da Vinci per il De divina proportione di Luca Pacioli (Ms 210, Bibliothèque de Genève, 1498):

-TETRACEDRON PLANUS VACUUS
Il tetraedro nella teoria dei quattro elementi è il poliedro associato all’elemento naturale “fuoco”. Elemento leggero, purificatore e dinamico, racchiude il principio vitale ed è legato al concetto stesso di energia.
-OCTOCEDRON PLANUS VACUUS
L’ottaedro nella teoria dei quattro elementi è il poliedro associato all’elemento naturale “aria”. Sinonimo di fantasia e spiritualità, è definita da Leonardo fluido dilatabile, compressibile e resistente, che avvolge la sfera della terra e dell’acqua.
-EXACEDRON SIVE CUBUS PLANUS VACUUS
L’esaedro nella teoria dei quattro elementi è il poliedro associato all’elemento naturale “terra”. Considerata sacra e divina, simboleggia la materia primordiale e la fertilità.
-DUODECEDRON PLANUS VACUUS
Il dodecaedro nella teoria dei quattro elementi naturali è il poliedro associato alla “quintessenza”, elemento-spirito, essenza del mondo celeste che tutto avvolge e comprende; nella tradizione alchemica è utilizzata per indicare l’elemento ultimo e costitutivo dei corpi.
-YCOCEDRON PLANUS VACUUS
L’icosaedro nella teoria dei quattro elementi è il poliedro associato all’elemento naturale “acqua”. Rappresenta lo stato liquido, il fluire e lo scorrere della vita ed è fonte della vita stessa e principio naturale di tutte le cose.

L’interesse di Leonardo per i poliedri si esprime con i numerosi disegni presenti nei suoi Codici e, principalmente, con le 60 tavole disegnate per illustrare il De divina proportione, manoscritto di Luca Pacioli del 1498, oggi conservato nella Biblioteca dell’Università di Ginevra e riprodotto in facsimile dal Centro Studi di Aboca Museum a Sansepolcro (Ar).

I poliedri regolari sono associati all’antica teoria dei quattro elementi (Aria, Fuoco, Acqua e Terra, compresi nella quintessenza, elemento costitutivo dell’universo e rappresentata dal dodecaedro); sono presenti anche nei concetti della “sezione aurea” e della “divina proporzione” che per Leonardo è la più alta espressione del bello per la percezione umana, applicabile nei vari ambiti del vivente: dalla botanica alla matematica, dalla musica alla pittura e alle creazioni terrene e celesti.

La proporzione è divina in quanto è per noi “incomprensibile, magica, sovrumana”. Nell’epoca medicea-rinascimentale i poliedri regolari sono tra gli elementi alla base della nascita della ricerca scientifica e del rinnovato interesse per l’Umanesimo.

__________

LA MOSTRA
La Botanica di Leonardo. Per una nuova scienza tra Arte e Natura è il titolo del catalogo dell’omonima mostra ideata e prodotta da Aboca, in collaborazione con il Comune di Firenze.

La mostra approfondisce le riflessioni di Leonardo da Vinci sulle forme e sulle strutture del mondo vegetale sottolineando la sua originale sintesi fra arte e natura e le caratteristiche del suo pensiero scientifico, che possiamo definire “universale” nello studio ampio e organico dei diversi ambiti del sapere.

Dalla fillotassi alla dendrocronologia, gli scritti e i disegni di Leonardo registrano infatti intuizioni di assoluto rilievo nella storia della botanica, generate dal suo acuto spirito di osservazione e dalla sua continua attività sperimentale, che vanno a delineare una visione dinamica della scienza – ricca di implicazioni e riferimenti anche nella contemporaneità.

La mostra è aperta al pubblico dal 13 Settembre al 15 Dicembre al Museo di Santa Maria Novella.
Per maggiori informazioni visita il sito www.labotanicadileonardo.it.

Dimensioni:
20 cm x 29 cm